Consigli Sulle Relazioni

Come i ragazzi possono entrare in contatto con i loro sentimenti

non definito

Metti Mi piace su Facebook per ottenere i post di MensXP direttamente sul tuo newsfeed!

Malti Bhojwani è una life coach certificata che offre i suoi servizi a Multi Coaching International . Quando non insegna ai ragazzi come entrare in contatto con i loro sentimenti, aiuta decine di aziende, istituti di istruzione e individui a migliorare se stessi usando le sue tecniche di coaching uniche. Anche lei è attiva Il pannello di esperti di MensXP iniziare il processo di auto-miglioramento da facendole una domanda .



Prima di tutto, accetta che non ci siano sentimenti negativi. Piuttosto, i nostri sentimenti sono lì per guidarci e riallinearci. Una volta fatto questo, puoi pensare a ciò che la sensazione ti motiva a fare.

Ad esempio, senza tristezza non può esserci empatia. Senza rabbia, non possiamo sapere che i nostri confini vengono superati o che i nostri bisogni non vengono soddisfatti. Se i nostri bisogni sono giustificabili e se i nostri confini devono essere estesi è un'altra storia.

Quando comunichiamo che siamo feriti, possiamo chiedere contatti o aiuto. Più siamo in contatto con la tristezza o la rabbia, più diventiamo connessi con ciò che dobbiamo provare: gioia e felicità. Essere vulnerabili ti apre a un mondo di sentimenti, dandoti l'opportunità di costruire relazioni più strette e legami con le persone nella tua vita e al lavoro.

'Le emozioni di empatia, compassione, cooperazione e perdono, ad esempio, hanno tutte il potenziale per unirci come specie.'
- Charles Darwin, 'L'espressione dell'emozione nell'uomo e nell'animale'


Le basi

I nostri sentimenti sono influenzati dalle nostre esperienze passate e dai pensieri che attualmente abbiamo causato dagli stimoli o da ciò che ci accade. I sentimenti offrono informazioni a cui potremmo non avere accesso solo dai nostri pensieri. Sai quando senti se qualcosa è giusto per te o no. I sentimenti ci aiutano a prendere decisioni. Bloccare i nostri sentimenti può limitare la nostra banca dati o le risorse da cui estrarre informazioni quando dobbiamo prendere decisioni.

In generale, le donne sono più in contatto con i loro sentimenti e ne parlano anche più spesso. Gli uomini, tuttavia, sono stati condizionati a essere forti, invincibili, pieni di risorse, autosufficienti e quindi generalmente non parlano di come si sentono. Alcuni uomini non si sentono nemmeno a proprio agio nel condividere i loro sentimenti felici e gioiosi per le stesse ragioni.

Anche se non vogliamo che tu diventi più simile alle donne e parli dei tuoi sentimenti tutto il tempo, non entrare in contatto con loro può avere alcuni effetti negativi sulla tua vita, come farti sentire peggio. Finisci per ritirarti dalle persone a cui tieni di più e di cui hai bisogno. Potresti seppellirti con il lavoro e potresti persino comportarti in modo sconsiderato.

Un errore che la maggior parte di noi commette è staccare il corpo dalla mente. È interessante però che quando diciamo di sentire, spesso tocchiamo il nostro cuore e quindi diciamo che i sentimenti provengono dal corpo piuttosto che dalla mente.


Soluzioni ideali

Un buon modo per entrare in contatto con i tuoi sentimenti è concederti qualche momento per identificare dove lo senti nel tuo corpo. I nostri sentimenti hanno un posto nei nostri corpi. Quando ho paura, ad esempio, lo sento nello stomaco e quando sono ferito, lo sento davvero in faccia e nel petto.

Aumentare il tuo vocabolario sui sentimenti è un ottimo modo per identificarli specificamente per te stesso e per comunicarli. Se hai accesso solo ai sentimenti di base di rabbia, tristezza, gioia, amore e paura, allora è tutto ciò che penserai di provare.

Tuttavia, se dai a te stesso l'accesso a sentirti irritato, disgustato, annoiato, disperato, stressato, scioccato, ansioso, imbarazzato, eccitato, divertito, frustrato, dubbioso, vergogna, empatia, simpatia, compassione, amore, ecc., Sarai in grado di farlo esprimiti e individua meglio le soluzioni. In effetti, siamo così fortunati che in questi tempi moderni, anche i nostri telefoni ci permettono di esprimere più emozioni rispetto ai tempi in cui potevamo esprimere solo ':)' e ':('.

Ad esempio, la sensazione di fondo della rabbia è paura, tristezza o delusione e impotenza. Una volta identificato, sarai in grado di comunicarlo in modo più eloquente ed efficace e ottenere il supporto delle persone intorno a te per aiutarti a risolvere la situazione.

Personalmente uso l'analogia di avere una 'valvola di sensazione'. Se proviamo a chiudere questa valvola per impedire che entrino sentimenti indesiderati, non saremo in grado di far entrare neanche quelli desiderabili. Se sei un fan della narrativa sui vampiri, potresti essere in grado di metterti in relazione con il modo in cui un vampiro spegne i suoi sentimenti in modo che possa uscire e attaccare e uccidere perché è quello che fa per sopravvivere. Tuttavia, questo lo lascia senza emozioni e freddo.

D'altra parte, quando apriamo la valvola dei sentimenti, siamo in grado di amare e ferire intensamente. Più permetti a te stesso di sentire le cose brutte e sai che è solo il modo in cui ti senti per ora, ti aprirai all'euforia di poter provare amore, gioia e gratitudine.

Quindi, in conclusione, apri le valvole, smetti di essere un vampiro, identifica e dai un nome alla sensazione e poi, se puoi, poniti abbastanza domande per arrivare a scoprire esattamente perché ti senti come ti senti. Quindi, scrivi o parla con le persone con cui sei disposto a essere vulnerabile.

Inizia con le persone con cui ti senti al sicuro, quelle che non ti giudicheranno o ti chiameranno un 'bastardo' per aver detto loro come ti senti.

Infine, riconosci che i tuoi sentimenti sono una tua responsabilità. Ad un certo livello, però, potresti non scegliere una sensazione, ma scegli per quanto tempo continuare a sperimentarla.


-Immagine per gentile concessione di Thinkstock-

Che ne pensate?

Inizia una conversazione, non un fuoco. Pubblica con gentilezza.





Posta un commento